La legge del più flessibile

Il più flessibile vince sempre? No, tuttavia ha più probabilità di sopravvive. In biologia, l’intelligenza viene definita come la capacità di adattamento all’ambiente. Più un organismo è “flessibile”, più riesce a sopravvivere alle nuove sfide che l’ambiente gli pone dinanzi. L’ambiente inteso come contesto, ovvero insieme di individui, ruoli e relazioni. Per questa ragione l’homo sapiens, che tra gli ominidi era forse il meno dotato … Continua a leggere La legge del più flessibile

Il cervello che legge

Dopo aver introdotto, a grandi linee, l’idea generale che sta dietro al neuro-potenziamento, possiamo scoprire cosa accade al nostro cervello quando leggiamo. Come ben spiegato in un articolo precedente, il cervello è una struttura plastica, in continuo mutamento. Ogni esperienza, ogni emozione provata contribuisce a costruire e rafforzare le connessioni tra i nostri neuroni. Cosa si sa, a questo proposito, della lettura? Il nostro viaggio … Continua a leggere Il cervello che legge

Vero amore

<<Sono seduto sul prato, la schiena contro il vecchio pozzo di mattoni, Il mio sangue continua a sgorgare dalle ferite senza sosta, colorando il verde manto d’erba ai miei piedi. Sto morendo. Cosa mi ha ucciso? L’amore! Reale, e incondizionato! Respiro affannosamente. La speranza mi ha lasciato da un pezzo, da quando quel proiettile mi ha colpito alla gola. Anche in questo momento penso a … Continua a leggere Vero amore

Neurolettura che?

Cosa significa neurolettura? Sembra una parolaccia, si. Una trovata di marketing ben ideata per far abboccare chi non se ne intende. È così? Prima di addentrarci nell’intricato universo delle neuroscienze, e della loro instabile novità, è doverosa una premessa. Poniti questa domanda: “Qual è la differenza tra corpo e mente?” Allora? Prima di continuare a leggere, dai una risposta Nel seicento, un tale di nome … Continua a leggere Neurolettura che?

Creativa-mente: l’arte della distruzione

Iniziamo con una bella citazione, tanto per cambiare:  “Le regole sono ciò che gli artisti rompono; ciò che è memorabile non è mai nato da una formula” Bill Bernbach Nel caso non foste informati, Bill Bernbach è stato un noto pubblicitario, scomparso negli anni 80, considerato da molti come uno dei più influenti personaggi del suo tempo. Una figura rivoluzionaria, capace di creare con il … Continua a leggere Creativa-mente: l’arte della distruzione

Capitolo 10 – Denti da ratto

…premette sul polso per girarlo verso di sé. Al tatto, percepì un battito cardiaco estremamente accelerato. Decisamente troppo elevato per una persona priva di sensi. Andrea si mosse repentinamente. Mise un braccio attorno alla gola dell’ignaro visitatore. Con la mano opposta premette la fredda canna della pistola sulla tempia nemica. “Adesso mi dici chi cazzo sei. E soprattutto, perché non dovrei farti saltare il cervello … Continua a leggere Capitolo 10 – Denti da ratto

I pharmacoi, quelli buoni…

Bene, riprendiamo da dove eravamo rimasti. Dai farmaci! Nell’accezione classica, il termine pharmakon assume un doppio significato. Se aveste letto gli scorsi articoli, sapreste di certo che il termine in questione è una vox media. Siccome sono una brava donna (o uomo, chi lo sa…), vi rinfresco la memoria: una vox media può esplicare un significato, e il suo contrario, in base al contesto in … Continua a leggere I pharmacoi, quelli buoni…

Più forti sui social

MISSION? COSA VUOL DIRE No, non si tratta di un film d’azione. O di un videogames. La parola Mission viene comunemente utilizzata in gergo aziendale per indicare lo scopo ultimo dell’organizzazione stessa, che la rende unica ed inimitabile. Cosa ci contraddistingue, dunque, dagli altri milioni di blog che parlano di libri e recensioni? Basta dare un’occhiata al menù principale per capirlo. Come? Non vedi la … Continua a leggere Più forti sui social

Leggere aumenta la memoria. Ma veramente?

  Durante uno dei miei tanti viaggi nel favoloso mondo di internet, mi è capitato di imbattermi in uno dei soliti articoli sulla lettura. Il suddetto recitava, LEGGERE MIGLIORA LA MEMORIA. Peccato che, come la maggior parte degli articoli in rete, ad un mirabolante titolo corrisponde la più completa assenza di fonti. Esiste davvero una ricerca che supporta questa ipotesi? Perchè un conto è affermare, … Continua a leggere Leggere aumenta la memoria. Ma veramente?

Harry Potter o Stephen King?! Effetti della lettura sui bambini

La vita è spietata, non guarda in faccia a nessuno. Spesso ci pone dinanzi a interrogativi esistenziali. Uno di questi, senza ombra di dubbio, è il seguente: tuo figlio ha tre anni, sta crescendo come un bambino solare, vivace e in salute. La sera ti chiede sempre, con quel tono dolce, di leggergli la favola della buona notte. Se, accingendoti a scegliere un buon libro … Continua a leggere Harry Potter o Stephen King?! Effetti della lettura sui bambini